Impennare in moto con i piedi sulla sella

L’impennata con i piedi sulla sella è una delle figure più spettacolari che si possono eseguire in moto. Richiede molta pratica, un’ottima padronanza della moto e un grande equilibrio.

In questo articolo analizzeremo nel dettaglio come eseguire correttamente questa acrobazia, partendo dalle basi dell’impennata classica. Vedremo quali accorgimenti adottare per riuscire a portare entrambi i piedi sulla sella durante l’impennata e come mantenere il controllo della moto. Esamineremo l’attrezzatura necessaria, le tecniche del corpo e i consigli di sicurezza da seguire.

Fondamenta: l’impennata classica

Prima di poter eseguire l’impennata con i piedi sulla sella, è indispensabile padroneggiare alla perfezione la tecnica dell’impennata classica. Questa consiste nel sollevare la ruota anteriore da terra tramite una accelerazione controllata, mantenendo l’equilibrio con il peso del corpo all’indietro.

Per impennare correttamente è necessario:

  • Avere una moto potente, che permetta di raggiungere velocemente il punto di equilibrio. Le moto da stunt sono l’ideale perché installano corone e pignoni modificati che migliorano la coppia e la potenza. Vedi come farlo con la tua moto nell’articolo: “modificare il pignone e la corona“.
  • Essere in grado di dosare finemente l’acceleratore per sollevare progressivamente la ruota anteriore.
  • Spostare rapidamente il peso all’indietro non appena la ruota si stacca da terra.
  • Mantenere la stabilità usando il manubrio e il corpo come contrappeso.
  • Controllare la durata dell’impennata agendo sul freno posteriore e sul movimento delle spalle.

È fondamentale acquisire dimestichezza nel gestire l’acceleratore e il freno posteriore, e nel mantenere l’equilibrio spostando il peso con precisione. Solo con una perfetta padronanza dell’impennata classica si può sperare di evolvere alla tecnica con i piedi sulla sella.

Equipaggiamento

Prima di provare l’impennata “piedi sulla sella” è necessario equipaggiarsi adeguatamente per minimizzare i rischi. Ecco l’attrezzatura indispensabile:

  • Casco integrale. È la protezione più importante.
  • Paraschiena e protezioni per ginocchia e gomiti. Fondamentali per ammortizzare eventuali cadute.
  • Guanti da motociclismo anti-scivolo. Danno maggiore presa sul manubrio.
  • Pantaloni e giacca in pelle resistente con protezioni. Forniscono protezione dalle abrasioni.
  • Stivali tecnici con suola rigida e cavigliere integrate. Danno stabilità e protezione alla caviglia.
  • Moto da stunt con pneumatici sportivi, meglio se un po più sgonfi. Necessaria potenza e maneggevolezza.
  • Codone lungo e sella liscia. Consentono di appoggiare e muovere i piedi senza inciampare.

Un abbigliamento tecnico completo è indispensabile per tentare acrobazie di questo livello con un minimo di sicurezza. Anche la moto deve essere preparata appositamente.

Tecnica step-by-step

impennata in piedi

Analizziamo passo passo la tecnica per eseguire correttamente l’impennata con i piedi sulla sella:

  1. Accelerare in seconda o terza marcia fino a 40-60 km/h. Velocità ottimale per iniziare la manovra.
  2. Caricare il peso all’indietro e chiudere leggermente il gas. Serve ad arretrare il baricentro.
  3. Spostare le ginocchia verso l’interno e portare entrambi i piedi sulla sella, talloni sulla parte più esterna (posteriore) della sella.
  4. Piegarsi in avanti con le spalle, arretrare il busto, e far a toccare le ginocchia sul serbatoio. Sostanzialmente occorre “rannicchiarsi” e centrare il peso del corpo per avere un baricentro più alto rispetto a quello solito della moto.
  5. Di scatto o sfrizionando, aprire il gas e sollevare la ruota anteriore. Nello stesso istante, distendere le gambe e braccia spingendo la moto verso di noi e contrastare il peso con il corpo.
  6. Una volta in equilibrio, mantenere la posizione usando le braccia tese e i piedi come contrappeso, agendo sul gas per regolare l’impennata.
  7. Per concludere, richiudere l’acceleratore e prepararsi all’atterraggio spingendo il peso indietro non appena la ruota tocca terra, così da rendere l’atterraggio più morbido.

La fase critica è quando la ruota si solleva: bisogna reagire abbastanza velocemente da contrastare la forza centrifuga che spinge il corpo all’indietro. Allenandosi si acquisisce la praticità necessaria ad eseguire la manovra velocemente.

Equilibrio e controllo

Mantenere l’equilibrio in questa posizione è complesso. Bisogna combinare con precisione la spinta delle braccia sul manubrio e la pressione dei piedi contro la sella. Il controllo viene tutto dal busto, mentre le gambe servono solo come contrappeso.

È importante mantenere il busto eretto, con lo sguardo in avanti verso l’orizzonte. Inclinarsi troppo indietro o in avanti fa perdere stabilità. Anche la posizione delle mani sul manubrio influisce sull’equilibrio: tenerle aperte, gomiti leggermente piegati assicura un buon controllo direzionale.

L’uso dell’acceleratore richiede finezza: piccole aperture e chiusure permettano di regolare minuziosamente l’assetto della moto ed evitare pericolosi sbalzi del avantreno. Una volta trovato il punto di equilibrio, è sufficiente un minimo di gas per mantenere l’impennata.

Evoluzioni avanzate

offerta libro Due Ruote in Perfetta forma di DuoMoto.it
Due Ruote in Perfetta Forma: Guida e Registro di Manutenzione.
Disponibile al prezzo di un aperitivo su Amazon.it, Clicca qui

I piloti stunt professionisti riescono ad eseguire spettacolari evoluzioni partendo dall’impennata con i piedi sulla sella:

  • Alzare un piede e tenere l’equilibrio con una sola gamba tesa, il cosiddetto “flamingo”. Necessita di eccezionale stabilità.
  • Girarsi completamente di spalle sulla sella e proseguire l’impennata guardando all’indietro. Una manovra estremamente intricata.
  • Passare in piedi sul serbatoio, azzerando il contatto con sella e codone. Ai limiti dell’equilibrio umano.
  • Saltare a terra dalla moto in corsa e risalire in sella senza interrompere l’impennata. Per pochissimi eletti.

Ovviamente queste acrobazie sono pensate solo per professionisti con decenni di esperienza alle spalle. Anche solo portare entrambi i piedi sulla sella richiede preparazione, pratica e coraggio.

Sicurezza prima di tutto

protezioni motociclismo

Eseguire impennate come queste comporta dei rischi significativi: cadute e infortuni. Prima di provare queste acrobazie è doveroso prendere precauzioni. Esercitarsi sempre in spazi ampi controllati e lontani dal traffico.

Indossare l’attrezzatura protettiva completa ogni volta: casco, paraschiena e protezioni sono obbligatori. Verificare che la moto sia meccanicamente perfetta in particolare, che l’impianto frenante sia efficiente. Procedere gradualmente partendo dall’impennata classica, poi passare a quella in piedi sulle pedane e poi infine, passare a quella con i piedi in sella.

L’impennata con i piedi sulla sella è una figura avanzatissima da tentare solo dopo anni di allenamento e con le adeguate precauzioni. Un minimo errore può avere conseguenze disastrose. Praticarla richiede una piena consapevolezza dei rischi e un approccio prudente, progressivo e concentrato.

Consigli utili

Per eseguire l’impennata con i piedi sulla sella in modo corretto e sicuro, alcuni accorgimenti possono essere molto utili. Innanzitutto, un manubrio largo e un codone lungo con una superficie adeguata per appoggiare saldamente entrambi i piedi, questi sono elementi che facilitano l’esecuzione di questa complessa acrobazia. Quando si accelera in questa posizione, è importante riuscire ad estendere bene le gambe per mantenere il controllo, dato che in questa fase non si può agire sul freno posteriore. Se dovessero sorgere difficoltà, spostare rapidamente il peso in avanti sul manubrio può aiutare a riprendere il controllo, nonostante possa causare una brusca ricaduta della ruota anteriore. In tale circostanza, cercate di mantenere il manubrio più diritto possibile fino al contatto con l’asfalto.

Ricordiamo che le moto da stuntman sono modificate e spesso si installano ulteriori comandi ausiliari: come un freno posteriore azionabile tramite un pulsante o leva “extra” sul manubrio.

Eseguire evoluzioni spettacolari durante l’impennata sono acrobazie da professionisti, estremamente pericolose. Quindi, non frustratevi se non doveste riuscirci da subito! Per provare queste tecniche in sicurezza, adottate tutte le protezioni necessarie, scegliete un’area isolata e fatevi assistere da piloti esperti. Con pazienza e dedizione potrete migliorare le vostre capacità, ma evitate manovre azzardate e godetevi semplicemente la guida della vostra moto!

Conclusioni

Portare entrambi i piedi sulla sella durante l’impennata è una delle acrobazie più spettacolari e difficili nel mondo delle moto. Richiede un controllo totale del mezzo e del proprio corpo.

Per poterla eseguire in sicurezza è indispensabile partire da una solida base di impennate classiche, usare un’attrezzatura adeguata ed esercitarsi in spazi controllati e con assistenza. L’equilibrio si ottiene combinando la spinta delle braccia e la pressione dei piedi contro la sella.

Con impegno e dedizione, questa acrobazia può essere appresa e portata ad un livello tale da eseguire evoluzioni mozzafiato. Ma alla base di tutto deve esserci il rispetto per i rischi che si corrono e l’impegno a minimizzarli il più possibile con la pratica consapevole e la giusta preparazione.

Usate sempre la testa, perché dentro il casco, c’è la tua vita!
Vedi come fare acrobazie e figure da stunt nella sezione dedicata.