Costo tagliando moto: dove e quando farlo.

costo tagliando moto

Possedere e guidare una moto è un’esperienza fantastica, non c’è niente di simile che posso assere paragonato a questo. Ma questa passione, come tutte le cose ha un costo, che è sicuramente minore rispetto ad un auto. Oltre alle riparazioni straordinarie, è la manutenzione ordinaria che può far diventare questa esperienza costosa e traumatizzante. Qui non parliamo di tutte le modifiche che apportiamo o migliorie, ma della semplice manutenzione ordinaria e tagliandi vari. Di seguito vedremo tutti i costi dei tagliandi che dobbiamo affrontare ogni qualvolta andiamo in officina ufficiale o dal meccanico di fiducia vicino casa.

A supporto di questo pagina, consigliamo di leggere anche “i controlli da fare periodicamente” poiché potrebbe tornare utile avere un’infarinatura su cosa bisogna fare. Le riparazioni e la manutenzione ordinaria può diventare molto costose se non abbiamo un concessionario serio e affidabile, è vi assicuriamo che è raro trovarlo. L’opzione per chi non ha praticità con la meccanica e non è in grado di eseguire la manutenzione in autonomia, è di affidarsi ad un officina specializzata.

Frequenza della manutenzione

Una moto che sia stradale, touring o maxi-scooter ha bisogno di un controllo e di manutenzione a cadenza programmata. Questo viene dettata non solo dai km percorsi, ma anche dal tempo trascorso.

Ogni quanti km fare la manutenzione? In linea generale la manutenzione ordinaria di motociclo è a circa 9.000 Km. Questo comprende il controllo e la sostituzione di alcuni liquidi.

Se non raggiungiamo la soglia minima, ogni quanto bisogna recarsi in officina? Escluso i tagliandi programmati sulla base chilometrica, dobbiamo provvedere con la sostituzione dell’olio, ogni 10 mesi. Il liquido refrigerante ogni 3-4 anni, anche se non raggiungiamo la soglia prestabilita da casa madre. Mentre per i pneumatici dobbiamo verificare l’elasticità della gomma e il grado di lucentezza. Per quest’ultimo rimandiamo alla pagina “come riconoscere pneumatici usurati e datati

Cosa incide sui costi?

Quando un’azienda produce un nuovo modello di moto, in contemporanea rilascia a tutte le concessionaria ufficiali, le informazioni per eseguire le riparazioni di base. Questo contiene le schede tecniche di lavorazione e i tempi necessari per la sostituzione e/o intervento. Oltre a ciò, riportano in dettaglio gli strumenti e le attrezzature utili per i lavori da eseguirsi. Sono simili ai manuale d’officina, ma molto diversi dai classici manuali di manutenzione. Questi tempi sono detti anche “tempistiche standard di lavorazione”. Sono superiori a quelli che, effettivamente, un meccanico professionista che ha praticità e velocità impiega per la riparazione.

Questi tempi vengono utilizzati da software che utilizzano le concessionarie per calcolare i preventivi e il costo finale da richiedere al cliente. Ebbene, escluso i pezzi di ricambio e i prodotti da utilizzare, ad incidere nel costo finale della manutenzione sono anche il “costo orario” di manodopera . Esistono delle tabelle nazionali che vengono sviluppate dal ministero del lavoro, ma il costo effettivo che applicano le officine variano da regione e da tipologia di concessionaria

Costo orario di manodopera

tagliando officina

La maggior parte delle concessionarie ufficiali di moto, impiegano un importo medio di manodopera oraria di € 40,00. Il tempo effettivo che andremo a pagare, è la somma delle ore lavorative riportate nella scheda tecnica di casa madre. Questo è quello che avviene, grossomodo in un’officina meccanica ufficiale. Stesso criterio dovrebbe essere utilizzato dalle officine meccaniche non ufficiali, ma spesso è l’esperienza e la qualità dell’azienda che detta il prezzo orario.

Costo orario per il lavoro + prezzo del ricambio = costo finale del preventivo

Differenza manodopera per regione

Sebbene il costo orario dovrebbe essere lo stesso a livello nazionale, anche in questo c’è una netta differenza tra nord e sud. Siamo un italia unita, ma non nel costo della manodopera. Vediamo di seguito il costo medio orario per area geografica.

  • Nord: € 44 /ora
  • Centro: € 36 /ora
  • Sud: € 27 /ora
  • Isole: € 25 /ora

Costo tagliando

Il costo di un tagliando completo di una moto dipende da diversi fattori che incidono nel costo finale. Ma in linea di massima quello che incide è la tipologia di moto e grandezza dell’officina. Una moto di 1000 cc è avrà sicuramente un costo maggiore rispetto ad uno scooter 150 cc. Alcune concessionarie hanno molti dipendenti, strumentazione meccanica ed elettronica all’avanguardia, inoltre alcune città sono molto più care di altre. Tutto questo può far oscillare il prezzo finale che andremo a pagare al concessionario.

Dettagli dei costi

Adesso vediamo nel dettaglio, facendo alcuni esempi pratici e approssimativi per rendersi conto di quanto costa un tagliando completo per una moto. Di seguito terremo conto della sostituzione di alcuni ricambi come filtri e pastiglie che elencheremo nel dettaglio successivamente.

E bene sapere che le concessionarie oltre a sostituire olio e altri ricambi, durante il tagliando, dovrebbero effettuare le verifiche di rito e i rabbocchi dovuti che sono contenuti nel costo finale. I prezzi dei materiali sono approssimativi sulla base di una moto 600 cc ed utilizzando prodotti di fascia media.

Tagliando base: olio e filtro olio

  • Materiale: 60 € (circa)
  • Tempo di lavoro: 1,2 ore (70 min)
  • Nord: 120 €
    Centro: 110 €
  • Sud e isole: 90 €

Tagliando medio: olio, filtro olio e filtro aria

Materiale : 100 € (circa)
Tempo di lavoro: 1,5 ore

  • Nord: 175 €
  • Centro: 155 €
  • Sud e isole: 135 €

Tagliando Full: olio, filtro olio, filtro aria e pastiglie freni

  • Materiale: 150 € (circa)
  • Tempo di lavoro: 2 ore
  • Nord: 245 €
  • Centro: 220 €
  • Sud e isole: 190 €

Cos’è importane in un officina?

Alcune officine ufficiali, con responsabili seri, hanno un protocollo standard da seguire all’ingresso e all’uscita della moto. Questo comprende alcune verifiche di routine, che vederemo nel passo successivo, che tutti i meccanici dovrebbero fare ma che pochi attuano. Come ad esempio la pulizia delle pinze dei freni con spray apposito, oppure la regolazione della pressione dei pneumatici e per finire, il controllo e il rabbocco di tutti i liquidi.

Cosa comprende un tagliando standard 10.000 Km

  • Olio: sostituzione
  • Filtro olio: sostituzione
  • Filtro aria: controllo / sostituzione
  • Liquido freni: controllo
  • Pastiglie freni: pulizia + controllo / sostituzione
  • Pneumatici: controllo
  • Impianto luci: controllo del funzionamento
  • Mimino del motore: regolazione
  • Cavo acceleratore: controllo / lubrificazione e serraggio tiranti
  • Cavo frizione: controllo e lubrificazione
  • Ammortizzatori: controllo perdite
  • Batteria: controllo dei cavi e dei morsetti / verifica tensione
  • Catena: controllo / regolazione
  • Refrigerante: controllo / rabbocco

Controlli extra da fare a 20.000 Km

  • Catena trasmissione (corona-pignone): sostituzione
  • Carena distribuzione (interno motore): controllo / sostituzione
  • Olio trasmissione: controllo / sostituzione
  • Candele: controllo / sostituzione
  • Refrigerante: sostituzione 20.000 / 3-4 anni
  • Cuscinetti di sterzo: controllo / lubrificazione
  • Valvole: controllo / regolazione
  • Corpo farfallato: controllo / regolazione
  • Ammortizzatori: controllo / sostituzione
  • Viti e bulloni: serraggio
  • Cavi: controllo / sostituzione

Per questo, prima di stabilire se il costo dell’officina è alto o meno, verifichiamo i servizi offerti e l’affidabilità dell’azienda. In ultimo, un servizio completo includerà nel costo finale un test su strada per garantirne il corretto funzionamento.

Costruiamo fiducia con il responsabile

Ogni motociclista che si rispetti e che ha un po’ di esperienza, sa bene che l’officina migliore è dove ci sono persone responsabili e appassionate. Ma nel nostro mondo frenetico, i gestori delle officine sono sempre occupati e di conseguenza tendono a essere scorbutici. Quindi scegliamo un momento tranquillo per interagire con loro e proviamo a costruire una relazione di fiducia. Anche se questa operazione risulterà difficile perché molti responsabili d’officina sono solo dei monta / smonta e non veri cultori della moto. Un tentativo dobbiamo pur farlo prima di giudicare l’operato di un’azienda.

Posso saltare il chilometraggio suggerito dalla casa madre?

Si potrebbe, ma non è consigliato perché parliamo di controlli e verifiche che hanno un costo contenuto. Ci sono moto che hanno percorso 100.000 km e non hanno mai seguito gli step prestabiliti dal produttore. Ma il concetto di “quando si rompe mi reco in officina” non è un buon approccio. Anche se i prodotti come olio e filtri, sono stati concepiti per durare molto più di quando dichiarato. Un controllo di un esperto del settore può far prevenire dei danni che non avevamo preso in considerazione. Se la nostra vita vale qualche tagliando in più spetta a noi deciderlo.

Officina specializzata o fai-da-te

Ci sono alcuni motociclisti che amano fare la manutenzione della moto, e non è questione solo di risparmio. Mentre altri preferiscono affidarsi ad un esperto (almeno si spera) lasciando a loro la responsabilità di tutto. Se il nostro intento è fare qualche cambio d’olio e pulizia della catena, possiamo ancora procedere in autonomia con il fai-da-te anche con poca praticità.

Con una buona guida difficilmente faremo danni e risparmieremo nei costi di lavorazione. Un po’ come andare da un concessionario per far controllare la pressione dei pneumatici, è da sciocchi. Possiamo leggere il libretto d’istruzioni e controllare la pressione adeguata alla nostra moto. Per questo consigliamo anche di leggere “quando controllare la pressione dei pneumatici

Per la manutenzione straordinaria e lavori più complessi, abbiamo bisogno di un po’ di praticità, qualche attrezzo e un luogo dove poter operare. Se manca uno solo di questi elementi, allora non abbiamo altra scelta che recarci in officina. Ci sono cose che possiamo fare da soli, altre no, tutto dipende dalle capacità e esperienza che abbiamo.

Quanto si risparmia con il tagliando fai-da-te

Eseguire un lavoro di cambio olio e filtri, possiamo risparmiare molti soldi. Se i ricambi vengono acquistati online, con qualche sconto, un tagliando può venirci a costare anche 50€, che sono molto meno rispetto ai 120€ di un officina.

La differenza si nota soprattutto con lavori che richiedono maggio tempistica. Sostituire il liquido di raffreddamento di una moto, in concessionaria può costa 70/80€. Operazione che possiamo fare da soli con una spesa di circa 15€.

Conclusioni

Noi di DuoMoto.it, come ribadito più volte, crediamo che il miglior meccanico per la moto siamo noi stessi. Non è presunzione, ma un motociclista che passa ore sulla propria moto, deve percepire quando c’è qualcosa che non va nella moto. Di opposto, un tagliando eseguito da un’azienda seria e coscienziosa può darci un aiuto a prevenire molti problemi che si stanno per presentare alla moto.

Con il fai-da-te possiamo risparmiare qualcosa, mentre se ci rivolgiamo ad un’azienda seria potremmo ottenere un buon operato.

Il problema grosso è trovare personale capace, che stiano attenti durante il lavoro e che hanno amore per le moto. Ma la maggior parte dei responsabili d’officina, ci dispiace dirlo, sono semplicemente degli operatori che smontano un pezzo rotto e ne installano uno nuovo. Spesso non sono nemmeno in grado di sapere il perché, ma per fortuna non tutti sono così.

L’augurio di DuoMoto.it è trovare la giusta officina meccanica che venga in contro alle nostre esigenze di affidabilità, ad un prezzo adeguato al servizio.